Salario minimo, gli europarlamentari votano ‘sì’ ai negoziati


di MARIO TAMBORRINO - Arriva il primo passo sulla discussione di un’eventuale normativa sul salario minimo. La commissione per l’occupazione e gli affari sociali ha formulato la proposta di direttiva, alla quale, successivamente, gli eurodeputati hanno dato il consenso con 443 voti a favore, 192 contro e 58 astensioni. Successivamente, come prevede l’iter, si valuterà la posizione del Consiglio e in caso positivo si avvieranno i dialoghi con i governi dell’Unione Europea per l’estensione a tutti i cittadini europei di un reddito minimo che permetta un livello di vita dignitoso per i lavoratori e le loro famiglie.

Questo è, comunque, un primissimo passo, si parla solo di discussione. Può anche succedere che si passi per il trilogo, cioè l’esame congiunto di Parlamento, Commissione e Consiglio. In caso di una definitiva approvazione, dunque, si pensa di procedere per due vie diverse: la prima prevede un salario minimo legale, quindi più stabile. La seconda opzione, una contrattazione collettiva fra i lavoratori e i loro datori di lavoro; in questo caso il Parlamento europeo preparerebbe la strada obbligando i paesi membri con meno dell’80% dei lavoratori coperti da questi accordi ad adeguarsi alle eventuali normative.

Soddisfazione da parte degli eurodeputati Pierfrancesco Majorino, Partito Democratico, e Daniela Rondinelli, Movimento 5 Stelle. “Si tratta di un passo fondamentale verso la costruzione dell’Europa sociale per la quale stiamo lavorando” ha commentato il primo, mentre Rondinelli crede che il salario minimo sia “il punto di svolta per dar vita finalmente a un’Europa più sociale e più equa”.

L’europarlamentare della Lega, Elena Lizzi, si dimostra non favorevole alla definizione di un salario minimo europeo agli Stati membri, ma disponibile al dialogo con “l’obiettivo di favorire una convergenza verso l’alto delle retribuzioni minime”.
Salario minimo, gli europarlamentari votano ‘sì’ ai negoziati Salario minimo, gli europarlamentari votano ‘sì’ ai negoziati Reviewed by Alessandro Nardelli on novembre 27, 2021 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.