Cento opere dell’arte italiana tornano a casa


di VERONICA CARACCIOLO - Il ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini ha voluto promuovere il nostro patrimonio artistico, storico e archeologico restituendo ben 100 opere dell’arte italiana fino ad ora custodite nei depositi o nei luoghi statali. Si stimano circa 4,5 milioni di opere non esposte nei musei, al fronte delle 480mila ammirabili.

“Solo una parte delle opere dei musei statali è attualmente esposta: il resto è custodito nei depositi, da cui proviene la totalità dei dipinti e dei reperti coinvolti in questa iniziativa. È un progetto a lungo termine che mira a valorizzare l’immenso patrimonio culturale di proprietà dello Stato”, ha affermato il ministro.

A Nemi, la nave di Caligola ritroverà la Testata di trave bronzea; a Bassano Romano la villa di Vincenzo Giustiniani recupererà la statua del Gladiatore che uccide il leone; a Trieste il Castello di Miramare riavrà indietro la tela “Allegoria di Trieste e dell’Istria” di Annibale Strata.

“Il mio auspicio è che l’arrivo di queste opere nei musei e piccoli centri venga accolto come un evento, che sia sentito e valorizzato. Poi da cento si potrà arrivare a mille e anche a 10 mila, la grande quantità di opere custodite e tutelate nei depositi lo consente”, ha aggiunto Franceschini.

La spesa per questo progetto è di circa 1 milione di euro. Inoltre, è in corso anche una collaborazione con la Rai per una serie di documentari, i quali porteranno un investimento nella digitalizzazione delle opere da poter ammirare.
Cento opere dell’arte italiana tornano a casa Cento opere dell’arte italiana tornano a casa Reviewed by Alessandro Nardelli on dicembre 13, 2021 Rating: 5

Nessun commento:

Powered by Blogger.